Un sacrificio compiuto per esigenza di onestà è la più alta gioia dello spirito.

0

Da ieri imperversa sui social una notizia che ha dell’inverosimile, almeno per coloro i quali credono ancora nell’onestà delle istituzioni: Corrado Cultrera rinviato a giudizio per aver autenticato delle firme false per la presentazione della lista Patto per Noto.  Sapete tutti che questa lista ottenne 1119 e il Cultrera fu eletto assieme alla moglie Veronica Pennavaria componente del Consiglio Comunale della città di Noto. Addirittura La Pennavaria è l’attuale Presidente del Consiglio.  Non occorre dirlo, ma questo avvenimento è connotabile di gravità sociale, morale e, aggiungiamolo pure, politica. Sarebbe opportuno che i due eletti di tale lista, praticamente inesistente, si dimettessero. Credo non ci sia altro da fare e lasciare che la giustizia faccia il suo corso. Oddio non colpevolizziamo nessuno, perché tutti sono innocenti fino a prova contraria accertata e credo che questo valga anche per i due nostri actors. Allo stesso modo la solidità dell’amministrazione è minata alle fondamenta, sin dalla nascita. Poiché tale consesso è scaturito da una ipotetica menzogna in barba alle leggi che regolano il sistema elettorale e in barba ai cittadini che come noi credono in una politica connotativamente onesta, fatta di persone che vanno a sedere sugli scranni di Palazzo Ducezio per lavorare al fine di risolvere le mille problematiche della città e dei cittadini. Oltretutto, ci dispiace dirlo, questa amministrazione non rappresenta più l’espressione del voto dei cittadini, i quali votarono nel 2016 dando la maggioranza ad una amministrazione di centro sinistra che oggi si trova dall’altra parte della strada, con una connotazione di centro destra. Anche questo cambiamento in itinere non denota un atteggiamento moralmente esemplare, tutt’altro. Pur tuttavia occorre anche dire, a malincuore, che questa assenza di vincolo di mandato è previsto dall’articolo 67 della Costituzione e rende legittimo per i consiglieri, il passaggio ad un partito o movimento politico diverso da quello originario, relativo alla lista di elezione. Ma consentiteci di dire che la costituzione essendo stata scritta da uomini, può essere anche fallace. Abbiamo assistito anche in passato a questi cambi repentini dei nostri rappresentanti al comune, ma almeno, lasciatecelo dire, furono fatti a fine legislatura. Signori, vi rendete conto che è difficile scendere da questo ipotetico piedistallo, ma in questo caso credo sia la soluzione più appropriata.

Share.