Democrazia partecipata: Il meetup Noto5stelle partecipa con due proposte.

0

fonte rosana dopo 1PRIMA PROPOSTA: Fontana Rosana

Egregio Sig. Sindaco,
La tutela del nostro patrimonio artistico è un tema che interessa tutti, e noi attivisti del Movimento 5 Stelle siamo molto sensibili all’argomento, tenuto conto soprattutto del valore, dei beni culturali e del patrimonio artistico UNESCO che ricade nel nostro territorio e dell’influenza esercitata sul turismo e sugli investimenti, per lo sviluppo della nostra comunità.
La riflessione sugli aspetti che rendono necessari determinati interventi di gestione e conservazione del nostro patrimonio muove dall’art. 9 della Costituzione: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.”
Per questi motivi, in data 19 agosto 2015, con nota protocollo n. 27818, avevamo proposto di farci carico della tutela di uno dei beni del nostro territorio, la Piazzetta di Fonte Rosana, da tempo sepolta da erbacce e immondizia, brutalmente vandalizzata (sedili in pietra rotti e pietre miliari spezzate) e depredata di alcuni elementi lapidei (pezzi della vasca e basole di pavimentazione). L’intervento di restauro sarebbe stato realizzato con fondi accantonati e donazioni effettuate al nostro Movimento, senza onere di spesa per le casse comunali. Per molto tempo, in passato, questa piazzetta è stata un punto di riferimento di viandanti che si fermavano per rifocillarsi ed abbeverare i propri animali. Parliamo dunque di un monumento dalla valenza storica tutt’altro che marginale nonostante la sua collocazione fuori dal centro urbano.
La proposta che ci apprestiamo a rinnovare, come precedentemente rappresentato, è di riportare la Fontana al suo originario splendore, ripristinando le parti asportate e vandalizzate, sistemando le aiuole con nuove piante, e, con l’impiego dei fondi di cui all’oggetto nonché la collaborazione della vostra amministrazione, restituirla alla sua originaria funzione di punto di ristoro; Tutto ciò premesso e considerato, Gli attivisti del Movimento 5 Stelle Noto, come in epigrafe identificati, in riferimento all’avviso pubblico in oggetto, pubblicato in data 02/03/2017, intendono proporre, per la destinazione dei fondi di cui all’art. 6, comma 1 della L. R. n. 5/2014 (come modificata dal comma 2 dell’art. 6 della L. R. 9/2015), di utilizzare la somma presuntivamente quantificata in € 21.289,11 nelle sotto indicate azioni:
 Riqualificazione arredo urbano;
 Potenziamento verde pubblico;

CHIEDONO PERTANTO ALLA S.V. di voler accordare l’autorizzazione al restauro di Fontana Rosana, con fondi accantonati e donazioni effettuate al nostro Meetup M5S, per il ripristino dei pezzi della fontana, della pavimentazione, posa in opera, progettazione, direzione dei lavori e coordinamento della sicurezza; Di compartecipare all’opera, stanziando i fondi di cui all’art. 6, comma 1 della L. R. n. 5/2014, per il ripristino dei sedili vandalizzati, la piantumazione di alberi, l’installazione di cestini per l’immondizia, l’allaccio della rete idrica alla fontana e la creazione di una zona pic-nic mediante l’installazione di un gazebo in legno con tavoli, sedie e barbecue in pietra, infine una videosorveglianza per sdsc_0122alvaguardarne l’integrità futura;

SECONDA PROPOSTA: Ripristino delle palme distrutte dell’insetto punteruolo.

Egregio Sig. Sindaco,
Come tristemente noto, da alcuni anni le palme della Villa Comunale sono state attaccate dal punteruolo rosso. Imponenti arbusti secolari tagliati e ridotti a tronchi morti nel giro di pochi anni da un piccolo e insignificante coleottero. È questo l’avvilente scenario che si presenta ai nostri occhi scrutando il panorama della Villa Comunale. Migliaia di turisti stanno immortalando i nostri giardini caratterizzati ormai da questa connotazione scialba e desolante.
Il verde urbano rappresenta una condizione fondamentale per mettere in relazione la staticità dell’elemento lapideo del barocco netino col dinamismo dell’ambiente arboreo; rilassa la mente e offre alla vista irripetibile opportunità di sollievo. Si tratta di un patrimonio prezioso e irripetibile, fortemente identitario sotto il profilo dell’ecologia urbana, che va ad ogni costo ripristinato e salvaguardato.
In alcune zone del territorio questa specie arborea è già stata soppiantata dalla Palma Regina (Cocos Plumosa o Arecastrum Romanzoffiana o Arecastrum Romanzoffianum); resistente al famigerato coleottero killer e dall’aspetto elegante e imponente. Emblematico esempio di questa specie botanica lo troviamo nel Viale Lido e nello slargo di Via Platone.
La proposta che ci apprestiamo a presentare, in subordine a quella relativa al restauro di Fontana Rosana, con l’impiego dei fondi di cui all’oggetto, è di riportare la Villa Comunale al suo originario splendore, sistemando le aiuole con nuove piante, ripristinando le palme abbattute dal punteruolo rosso con altre specie arboree simili e già impiegate in altre aree del territorio.
Tutto ciò premesso e considerato,
Gli attivisti del Movimento 5 Stelle Noto, come in epigrafe identificati, in riferimento all’avviso pubblico in oggetto, pubblicato in data 02/03/2017, intendono proporre, per la destinazione dei fondi di cui all’art. 6, comma 1 della L. R. n. 5/2014 (come modificata dal comma 2 dell’art. 6 della L. R. 9/2015), di utilizzare la somma presuntivamente quantificata in € 21.289,11 nella sotto indicata azione:
 Potenziamento verde pubblico;

CHIEDONO PERTANTO ALLA S.V.

 La messa a dimora di nuovi fusti al posto di quelli abbattuti;
 La sistemazione, il completamento e la valorizzazione del verde già esistente nelle aiuole con piantumazione di nuovi arbusti a fiore;
 La somministrazione di trattamenti fitosanitari per la cura e la salvaguardia delle palme sopravvissute, nonché un’accurata disinfestazione onde evitare ulteriore diffusione di agenti patogeni sulle altre piante.

Share.